Storia dei Mercati Finanziari dal 1600 ad oggi

Alcuni analisti hanno prodotto indici che coprono i mercati finanziari globali dal 1601 al 2018. Nell’organizzare questi dati, hanno scoperto che la storia del mercato azionario negli ultimi 400 anni può essere suddivisa in quattro epoche distinte in cui dimensione e organizzazione del mercato azionario in modi diversi.

La politica e l’economia definiscono i limiti dei mercati finanziari determinando se possono esistere società nel settore pubblico o privato, controllando il flusso di capitali nei mercati finanziari e determinando il livello di regolamentazione che le aziende devono affrontare per massimizzare i propri profitti.

La prima era copre il periodo dal 1600 al 1815, quando i mercati finanziari finanziarono i titoli di stato e una manciata di monopoli governativi. La British East India Company è stata fondata nel 1600. Per i successivi 200 anni, i mercati finanziari hanno negoziato un numero molto limitato di titoli. Dopo le bolle del 1719-1720, le azioni venivano scambiate più come obbligazioni che come azioni. Gli investitori erano più interessati a ottenere un ritorno sicuro sui loro soldi che investire per plusvalenze.

Il secondo periodo dal 1815 al 1914 fu caratterizzato dall’espansione dei mercati azionari, dalla globalizzazione dei mercati finanziari e dalla riduzione dell’importanza dei titoli di Stato rispetto alle azioni. La situazione cambiò nel 1790, quando i primi canali e le successive ferrovie cambiarono per sempre la natura dei mercati finanziari. Gli investitori hanno scoperto che le azioni dei trasporti potrebbero fornire dividendi affidabili e plusvalenze. Per i successivi cento anni, gli investitori hanno avuto l’opportunità di investire in migliaia di società che potrebbero generare plusvalenze e dividendi. I mercati finanziari si sono globalizzati e la rivoluzione dei trasporti ha permesso all’economia globale di crescere. Nel 1914, il capitale scorreva liberamente in tutta Europa e nel resto del mondo, consentendo agli investitori di ottimizzare i rendimenti a livello globale.

Leggi anche >> Previsione Mercati Azionari

L’era dei mercati finanziari globalizzati terminò il 31 luglio 1914 quando i mercati azionari mondiali chiusero quando iniziò la prima guerra mondiale. Durante la guerra, il capitale era diretto a pagare per la guerra. I tentativi di ripristinare i mercati finanziari globalizzati dopo la guerra sono falliti. I mercati finanziari hanno operato a livello nazionale, non a livello internazionale. Prima della prima guerra mondiale, i mercati fornivano rendimenti simili perché erano integrati.

Dopo la guerra, i rendimenti del mercato azionario nazionale sono divergenti perché il capitale non è stato in grado di fluire verso i paesi con i tassi di rendimento più elevati. Dopo la seconda guerra mondiale, L’Europa ha nazionalizzato molte delle sue industrie principali e le industrie regolamentate degli Stati Uniti.

Non è stato fino agli anni ’80 che i mercati azionari sono diventati di nuovo globalizzati quando la deregolamentazione e la privatizzazione hanno invaso i mercati azionari mondiali. La scarsa performance dei mercati e dell’economia in risposta alla crisi petrolifera dell’OPEC degli anni ’70 ha messo in discussione il ruolo del governo nella regolamentazione dell’economia. La privatizzazione ha travolto le economie capitaliste e gli ex paesi comunisti hanno aperto i mercati azionari e hanno cominciato a integrarsi con i mercati finanziari mondiali. Il rapporto capitalizzazione di mercato globale / PIL è aumentato notevolmente. Non esiste una data definitiva in cui si sia verificata questa transizione, quindi il fondo del mercato ribassista di obbligazioni e azioni nel 1981 viene utilizzato come punto di partenza di questa nuova era.

Quanto tempo durerà la quarta era prima di entrare in una quinta era dipenderà dalla tecnologia. La quinta era finanziaria inizierà quando i mercati finanziari raggiungeranno la singolarità, dove i mercati nazionali delle attività finanziarie si fonderanno in un unico mercato ei mercati finanziari non saranno solo globali, ma singolari. Tutte le attività finanziarie verranno negoziate 24 ore al giorno su reti di computer connesse a ogni angolo del globo. I mercati hanno quasi raggiunto quel punto nel mercato dei cambi, ed è solo una questione di tempo prima che anche il mercato delle attività finanziarie raggiunga quel punto. Tutte le attività finanziarie verranno negoziate 24 ore al giorno su reti di computer connesse a ogni angolo del globo. I mercati hanno quasi raggiunto quel punto nel mercato dei cambi, ed è solo una questione di tempo prima che anche il mercato delle attività finanziarie raggiunga quel punto. Tutte le attività finanziarie verranno negoziate 24 ore al giorno su reti di computer connesse a ogni angolo del globo. I mercati hanno quasi raggiunto quel punto nel mercato dei cambi, ed è solo questione di tempo prima che anche il mercato delle attività finanziarie raggiunga quel punto.

La prima era: monopoli e fondi

La rivoluzione finanziaria avvenne nel 1600 quando furono fondate la Compagnia olandese delle Indie orientali e le Compagnie inglesi delle Indie orientali.

La Compagnia olandese delle Indie orientali fu fondata nel 1601 e continuò ad operare fino al 1799. La Compagnia inglese delle Indie orientali fu fondata nel 1600 e riorganizzata tre volte prima che la quarta Compagnia delle Indie orientali fosse fondata nel 1657. Quella compagnia durò fino al 1874.

Prima del 1600, i commercianti avevano creato “azioni” nei viaggi che le navi facevano verso l’estremo oriente.

Investendo in diverse navi, i mercanti potrebbero ridurre il rischio.

L’innovazione della Compagnia olandese delle Indie orientali consisteva nel conferire la proprietà alla compagnia e non ai viaggi individuali.

Ciò ha fornito economie di scala e, creando una vita perpetua per la società, ha permesso di reinvestire il capitale di un viaggio in altri viaggi.

Ciò che è importante nella rivoluzione finanziaria del 1600 era che stabilì il principale delle società fondatrici che potevano emettere azioni che non scadevano.

Gli azionisti potevano acquistare e vendere le loro azioni ad altri e ricevere dividendi se la società fosse redditizia.

Tuttavia, la Compagnia olandese delle Indie orientali ha commesso diversi errori dai quali le future società hanno imparato.

La società olandese delle Indie orientali ha assegnato le sue azioni per comune, limitando la negoziazione delle sue azioni.

La società non ha raccolto ulteriore capitale azionario emettendo nuove azioni, ma ha preso in prestito denaro che ha aumentato il suo rapporto debito / capitale netto e alla fine ha finito per mandare in bancarotta la Compagnia olandese delle Indie orientali.

Inoltre, i dividendi venivano spesso pagati in natura.

Invece di ricevere dividendi in contanti, gli azionisti riceverebbero i chiodi di garofano portati dalle Indie occidentali. I commercianti erano felici di ricevere pagamenti in natura e vendere i chiodi di garofano, ma gli investitori preferivano i pagamenti in contanti.

Una seconda ondata di incorporazioni avvenne nel 1690 in seguito  rivoluzione del 1688, durante la quale i parlamentari inglesi rovesciarono il re Giacomo II e stabilirono una monarchia costituzionale in Inghilterra. Questo non solo portò un sovrano olandese a Londra, ma portò anche capitale olandese e conoscenza finanziaria olandese.

Nel 1688, i mercati finanziari di Amsterdam erano più sofisticati di quelli di Londra. La Confusion de Confusiones di Joseph de la Vega fu pubblicata nel 1688 per mostrare alla comunità ebraica di Amsterdam il funzionamento interno dei mercati azionari.

Quando la spedizione alla ricerca del tesoro di William Phipps del 1687-1688 pagò un dividendo del 10.000% agli azionisti, incoraggiò la creazione di altre società per consentire agli investitori di trarre profitto.

Nel 1694, John Houghton iniziò a scrivere articoli sul commercio di azioni e nel gennaio 1698 il Course of the Exchange iniziò la sua regolare pubblicazione bisettimanale, pubblicando i prezzi di scambio raccolti dai caffè di Londra.

Una pubblicazione simile per Amsterdam era l’Amsterdamsche Courant che pubblicava i prezzi delle azioni ogni due settimane a partire dal 1723.

Les Affiches de Paris iniziò a pubblicare il prezzo delle azioni scambiate a Parigi nel 1745. Entro la metà del XVIII secolo, la crescita della stampa finanziaria rifletteva il crescente interesse per i mercati finanziari.

 

Tra queste tre pubblicazioni e altre, GFD è stata in grado di mettere insieme i dati sui corsi azionari dal 1601 al 1815. Il 1600 e il 1700 furono un periodo di guerra continua in Europa e il debito di inglese, olandese e francese aumentò di conseguenza. I governi dei Paesi Bassi e della Gran Bretagna iniziarono a emettere debito con scadenze più lunghe, in alcuni casi creando rendite che fornivano pagamenti annuali finché qualcuno era in vita. Questi strumenti di debito alla fine sono stati convertiti in rendite che non sono mai scadute così come le azioni della Compagnia delle Indie Orientali o della Banca d’Inghilterra non sono mai maturate. Data la scelta di ottenere una rendita perpetua che pagasse un rendimento fisso da un governo e dividendi variabili da una società, la maggior parte degli investitori ha scelto di investire in titoli di stato.

L’evento chiave per i mercati finanziari furono le bolle del 1719-1720. La capitalizzazione di mercato delle azioni britanniche è aumentata costantemente dal 1688 al 1720, come illustrato sopra. I governi olandese, francese e britannico emisero tutti grandi importi di debito per combattere la guerra di successione spagnola tra il 1701 e il 1713.

John Law offrì al governo francese un modo per convertire il proprio debito in azioni della Compagnia francese delle Indie Orientali. In Gran Bretagna, gli investitori potevano convertire il loro debito in azioni della South Sea Company. L’entusiasmo per le azioni portò i prezzi delle azioni a livelli insostenibili, ma dopo il crollo del 1720, alle società fu impedito di raccogliere capitali aggiuntivi e poche società emisero nuove azioni per il resto del 1700. Gli investitori volevano un flusso di cassa affidabile e, dopo le bolle del 1719-1720, solo i più grandi monopoli sostenuti dal governo erano considerati sufficientemente affidabili da giustificare investimenti. La maggior parte del capitale finanziario è andato in titoli di stato. Anche le poche società sopravvissute alla bolla si sono comportate più come obbligazioni che come azioni, cambiando poco di prezzo. Tra il 1688 e il 1789, il debito del governo britannico è cresciuto da £ 1 milione nel 1688 a £ 244 milioni nel 1789 ea £ 745 milioni nel 1815. Nello stesso periodo di tempo la capitalizzazione di mercato delle azioni britanniche è cresciuta da £ 1 milione nel 1688 a £ 30 milioni nel 1789 e 60 milioni di sterline nel 1815. La capitalizzazione di mercato delle azioni, che era pari al debito pubblico in essere nel 1688, si ridusse a meno del 10% del debito pubblico entro il 1815. Grazie alla sua affidabilità nei pagamenti, la Gran Bretagna fu in grado di aumentare il suo debito a livelli doppi del PIL entro il 1815, mentre il rendimento del debito è diminuito,

La seconda era: la globalizzazione

Il processo di globalizzazione iniziò negli anni ’80 del Settecento e continuò a crescere fino al 1914.

La Banca d’Irlanda e il Canal Grande furono quotati in borsa nel 1783-1784 e il debito pubblico delle maggiori potenze europee fu negoziato alla Borsa di Amsterdam negli anni Ottanta del Settecento.

Tuttavia, le guerre napoleoniche mandarono in bancarotta la maggior parte dell’Europa. Durante le guerre napoleoniche, la Compagnia olandese delle Indie occidentali e la Compagnia olandese delle Indie orientali, nonché la Compagnia francese delle Indie orientali furono tutte portate alla bancarotta mentre i Paesi Bassi, la Francia, l’Austria, la Russia, la Spagna, la Svezia e gli Stati Uniti erano tutti inadempienti sul loro debito .

La Gran Bretagna è stata l’unico paese che non ha fatto default.

Il debito francese e olandese è stato ristampato in perdita per gli obbligazionisti, ma il debito britannico ha continuato a pagare in tempo attirando più investitori sul debito del governo britannico. Non si può sottovalutare quanto i mercati azionari siano stati trasformati tra la fine del 1700 e l’inizio del 1800. Prima del 1815, i mercati finanziari britannici erano principalmente orientati all’emissione di obbligazioni, o “i Fondi” come venivano chiamati, a investitori che desideravano dividendi e interessi dai loro investimenti coerenti e affidabili. Negli anni 1790 le cose iniziarono a cambiare. La prima bolla del canale si verificò nel 1790 quando dozzine di canali nelle Midlands dell’Inghilterra emisero azioni per raccogliere capitali per costruire canali in tutta la Gran Bretagna.

Nel 1789, Alexander Hamilton riorganizzò le finanze degli Stati Uniti e la Banca degli Stati Uniti fu fondata nel 1791, emettendo $ 10 milioni di capitale agli investitori. La Banca degli Stati Uniti è stata seguita dall’incorporazione di dozzine di altre banche e compagnie di assicurazione che hanno raccolto capitali negli Stati Uniti. Il governo federale e i governi statali hanno tutti emesso nuovi debiti.

La Banque de France è stata fondata nel 1800, la Borsa di Londra è stata fondata nel 1801 e The Course of the Exchange si è espanso a due pagine, coprendo oltre 100 società nel 1811. La canal mania degli anni ’10 dell’Ottocento, la mania latinoamericana degli anni ’20 dell’Ottocento e la Railroad mania degli anni 1840 creò centinaia di nuove società in cui gli investitori acquistavano azioni come un modo per realizzare profitti rapidi nei mercati finanziari. I debiti degli stati americani e dei fondi francesi furono elencati in The Course of the Exchange nel 1825. Durante gli anni 1830, nuove compagnie ferroviarie furono fondate in tutta Europa e negli Stati Uniti e milioni di dollari furono versati in queste società. L’Europa rimase in pace dal 1815 al 1914 e il debito pubblico come quota del PIL diminuì.

indici mercati finanziari

La capitalizzazione di mercato delle azioni è aumentata costantemente con il calo del debito britannico, come illustrato nella figura 1.

La capitalizzazione di mercato delle azioni britanniche come quota del PIL è aumentata tra il 1688 e il 1720, quindi è diminuita dal 1720 al 1800.

La capitalizzazione di mercato delle azioni ha iniziato a salire negli anni 1840 e continuò ad aumentare fino al 1914, quando la capitalizzazione di mercato delle azioni in circolazione superò il PIL.

Nello stesso periodo, il debito del governo britannico in essere è sceso da oltre il 200% del PIL nel 1815 a meno del 30% nel 1914. La crescita degli investimenti in azioni non si è limitata alle ferrovie.

Il capitale britannico fluì verso investimenti al di fuori della Gran Bretagna dopo il 1860, andando in ferrovie americane, ferrovie indiane, azioni argentine e brasiliane e altre azioni.

La Gran Bretagna ha contribuito a costruire le ferrovie di tutto il mondo. Il capitale è andato anche in titoli di stato.

Il Giappone emise le sue prime obbligazioni a Londra nel 1870 e dozzine di altri paesi seguirono le loro orme.

Un modello simile si è verificato negli Stati Uniti, dove il rapporto tra la capitalizzazione di mercato e il PIL è aumentato notevolmente tra l’inizio della guerra civile e l’inizio della prima guerra mondiale.

La capitalizzazione di mercato delle azioni statunitensi era solo del 10% circa del PIL nel 1860, ma salì al 70% all’inizio della prima guerra mondiale. La maggior parte di questo denaro andò alle ferrovie, ma confluì anche in Standard Oil, US Steel, General Motors e dozzine di altre società industriali.

C’erano collegamenti diretti tra Londra e New York che consentivano agli investitori britannici di acquistare azioni direttamente a New York e in altre capitali finanziarie.

Un modello simile si è verificato negli Stati Uniti, dove il rapporto tra la capitalizzazione di mercato e il PIL è aumentato notevolmente tra l’inizio della guerra civile e l’inizio della prima guerra mondiale.

Sebbene queste tendenze finanziarie fossero più evidenti in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, la globalizzazione dei mercati finanziari si è verificata in tutti i mercati del mondo.

All’inizio della prima guerra mondiale, c’erano centinaia di società che commerciavano contemporaneamente a New York, Parigi e Berlino.

Londra divenne il centro finanziario del mondo.

Non solo Londra è stata in grado di finanziare le ferrovie in Gran Bretagna, ma Londra ha anche finanziato ferrovie, banche e servizi pubblici in quasi tutti i paesi del mondo.

Londra ha finanziato società non solo in tutte le sue colonie, inclusi Canada, India, Sud Africa e Australia, ma anche in America Latina, Messico e Stati Uniti. Sebbene gli Stati Uniti abbiano finanziato la maggior parte delle ferrovie che si estendevano dall’Atlantico al Pacifico, Gli investitori britannici e olandesi versano centinaia di milioni di dollari in azioni e obbligazioni americane.

Le compagnie minerarie sudafricane hanno entusiasmato gli investitori a Londra, Parigi e Berlino durante la fine del 1800 e l’inizio del 1900. I mercati azionari e obbligazionari erano veramente globali e ogni anno venivano investiti miliardi di sterline in nuove azioni e obbligazioni.

Possiamo dividere il processo di globalizzazione in due periodi.

Durante il primo periodo dal 1830 fino al 1860, le società furono in grado di raccogliere fondi a Londra, Parigi e Berlino per costruire ferrovie che coprissero il continente europeo.

Entro il 1870, la Germania e l’Italia furono unificate con il gold standard dei tassi di cambio fissi tra tutte le principali economie del mondo.

Dal 1860 al 1914, i capitali fluirono da Londra al resto del mondo per costruire l’infrastruttura globale di ferrovie, telegrafi, finanza e utilità.

La ferrovia transcontinentale è stata costruita negli Stati Uniti e ferrovie sono state costruite in India, Cina e altri paesi. Il Canale di Suez fatto congiuntamente a Parigi e a Londra.

Paesi dell’Europa orientale sono andati a far parte della borsa di Berlino. Società russe quotate a San Pietroburgo mentre società cinesi quotate a Shanghai e Hong Kong.

Il Gold Standard forniva tassi di cambio fissi tra tutte le economie mondiali del mondo, facilitando il trasferimento di denaro da un paese all’altro.

Nel 1900, non era più necessario spedire oro da un paese all’altro per sfruttare i differenziali di cambio.

Invece, il debito pubblico russo o le ferrovie americane potevano essere acquistate e vendute per spostare capitali da un paese all’altro.

All’inizio del 1900, il denaro iniziò a fluire in azioni industriali, banche e compagnie di assicurazione, titoli minerari, soprattutto in Sud Africa, e altre nuove industrie. Azioni energetiche come Standard Oil, azioni del tabacco come British Tobacco, azioni elettriche come General Electric, compagnie automobilistiche come General Motors e centinaia di altre hanno tutte attirato capitali quando non c’era più posto per costruire ferrovie.

Il mondo finanziario nel 1790 e nel 1914 erano completamente diversi.

Nel 1790 c’erano solo una manciata di società in cui gli investitori potevano investire e il debito pubblico rappresentava il 90% degli strumenti finanziari in circolazione. Nel 1914, il debito pubblico si era ridotto in termini di dimensioni rispetto al PIL e attraverso i mercati dei capitali, il denaro scorreva in ogni paese del mondo per costruire l’economia globale.

Praticamente nessuno nel 1913 avrebbe potuto immaginare che tutto questo sarebbe presto finito. soprattutto in Sud Africa e in altre nuove industrie.

La terza era: il grande capovolgimento

La prima guerra mondiale distrusse i mercati finanziari globalizzati che esistevano prima del 1914.

Entro il 31 luglio 1914, praticamente tutti i mercati azionari del mondo avevano chiuso per impedire agli azionisti di vendere le loro azioni e obbligazioni e rimpatriare i loro soldi.

Il capitale non era più libero di attraversare i confini.

I mercati finanziari hanno dovuto affrontare restrizioni che non avevano mai affrontato prima.

Durante la prima guerra mondiale, il capitale fluì in titoli di stato, non in casse aziendali.

Anche quando le borse valori hanno riaperto, le restrizioni sui prezzi hanno limitato la quantità di scambi che potrebbero verificarsi.

Le borse di Berlino e San Pietroburgo non riaprirono fino al 1917, e la borsa di San Pietroburgo chiuse subito dopo quando la Rivoluzione d’Ottobre colpì la Russia.

Il periodo dal 1914 al 1981 è stato quello del controllo del governo sui mercati finanziari attraverso la regolamentazione dopo la prima guerra mondiale, e la nazionalizzazione delle più grandi società in Europa dopo la seconda guerra mondiale.

I controlli sui capitali limitavano la capacità del denaro di fluire da un paese all’altro.

L’accesso dei mercati azionari ai fondi esteri è diventato gravemente limitato.

Prima del 1914, i mercati finanziari globali erano integrati e i tassi di interesse delle obbligazioni convergevano alla media internazionale.

Dopo il 1914, i mercati azionari e obbligazionari nazionali si sono mossi indipendentemente l’uno dall’altro e diversi tassi di inflazione interni e il rischio di insolvenza hanno prodotto tassi di interesse diversi in ciascun paese.

Le guerre sono gestite dai governi, non dai mercati liberi.

La prima e la seconda guerra mondiale furono guerre totali e l’industria pesante, le infrastrutture, i servizi pubblici, i trasporti, la finanza furono tutte messe sotto il controllo del governo per vincere la guerra.

Una volta che il governo ha iniziato a controllare diversi settori dell’economia durante la guerra, i governi volevano mantenere il controllo attraverso la regolamentazione o la nazionalizzazione dopo la guerra.

Molti mercati di consumo eludevano la competenza del controllo governativo, ma il governo voleva esercitare il controllo su qualsiasi grande azienda.

Tra il 1914 e il 1981 ci fu un flusso e una maggiore libertà di mercato e una maggiore regolamentazione, ma non vi fu una reale spinta alla privatizzazione dei settori che erano stati nazionalizzati o regolamentati fino agli anni ’80.

Ci sono stati periodi in cui i mercati azionari sembravano avere successo negli anni ’20 e negli anni ’50 e ’60, ma durante gli altri decenni ai mercati azionari non è stata concessa la libertà di cui avevano bisogno per fornire crescita al resto dell’economia.

Durante gli anni ’20, i governi cercarono di riportare il mondo alla “normalità” che aveva prevalso prima del 31 luglio 1914, ma fallirono.

La Germania e molti altri paesi dell’Europa orientale sprofondarono in un’iperinflazione che spazzò via gli investitori.

Gli obbligazionisti e gli azionisti tedeschi persero praticamente tutto ciò che avevano durante l’iperinflazione del 1923.

Il tentativo dell’Inghilterra di tornare al Gold Standard si dimostrò un fallimento che portò a una recessione e costrinse la Gran Bretagna a lasciare il Gold Standard nel 1931.

Il crollo della banca Creditanstalt a Vienna in 1931 banche interessate in tutta Europa. Il crollo dei mercati azionari negli Stati Uniti portò alla regolamentazione dei titoli negli Stati Uniti da parte della SEC nel 1934.

Dopo la prima guerra mondiale, i mercati azionari erano basati sui mercati dei capitali nazionali.

Quando l’impero austro-ungarico si sciolse, nuove borse valori apparvero nelle capitali di ogni nuovo paese.

Dopo la prima guerra mondiale, ogni paese aveva la propria borsa valori, ma dopo la seconda guerra mondiale, molte di queste borse sono scomparse quando il comunismo ha preso il sopravvento nell’Europa orientale.

I nazisti andarono in default sui loro debiti negli anni ’30 e limitarono i flussi di capitale nei mercati della sicurezza in modo che il capitale disponibile potesse essere concentrato sulla ricostruzione dell’esercito tedesco.

Il capitale non poteva fluire da un paese all’altro come era accaduto prima della prima guerra mondiale.

Quando iniziò la seconda guerra mondiale, le borse erano meglio preparate per la guerra e poche borse chiuse. Invece, i controlli sui prezzi hanno limitato gli scambi di azioni, come in Germania, e il commercio alla fine si è fermato.

La Gran Bretagna ha nazionalizzato le ferrovie, la Banca d’Inghilterra, l’industria siderurgica e altre società dopo la seconda guerra mondiale.

Nazionalizzazioni simili si sono verificate in Francia e in altri paesi europei.

Alcune borse non sono mai state riaperte nei paesi che sono diventati comunisti.

In Germania, la conversione di valuta del 1948 fece sì che le azioni in marco tedesco valessero il 10% del loro valore in Reichsmark.

Dopo la seconda guerra mondiale, i trasporti, i servizi pubblici, la finanza e altre industrie pesanti furono regolamentati negli Stati Uniti e nazionalizzati in Europa.

La nazionalizzazione ha rimosso queste industrie dai mercati azionari in Europa e ha limitato le loro dimensioni negli Stati Uniti.

Poiché i trasporti, i servizi pubblici e le banche erano regolamentati negli Stati Uniti, i loro profitti furono limitati e la loro capitalizzazione fu ridotta.

La Borsa di Parigi fu chiusa da scioperi nell’aprile 1974 e marzo 1979, a simboleggiare che il conflitto tra capitale e lavoro era più importante della promozione dei mercati dei capitali.

Alla fine degli anni Quaranta, furono imposte ancora più restrizioni ai flussi di capitali internazionali.

Il FMI ha introdotto un sistema di tassi di cambio fissi basato sul dollaro per sostituire il caos che esisteva prima della seconda guerra mondiale.

Gli accordi di Bretton Woods funzionavano solo limitando i flussi di capitale attraverso i confini, quindi il capitale veniva raccolto a livello nazionale o non veniva raccolto affatto.

Dopo la seconda guerra mondiale, molte industrie in Europa furono nazionalizzate e il rapporto tra capitalizzazione di mercato e PIL si ridusse drasticamente al di fuori degli Stati Uniti.

Nel 1950, la capitalizzazione di mercato globale era pari a meno del 25% del PIL mondiale, e di questo, Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Australia rappresentavano circa l’80% della capitalizzazione di mercato globale.

Al di fuori dei paesi angloamericani, i mercati azionari hanno avuto un’influenza molto scarsa sull’economia.

La capitalizzazione europea si è ridotta perché gran parte delle economie sono state nazionalizzate dal governo. quindi il capitale è stato raccolto a livello nazionale o per niente.

Dopo la seconda guerra mondiale, molte industrie in Europa furono nazionalizzate e il rapporto tra capitalizzazione di mercato e PIL si ridusse drasticamente al di fuori degli Stati Uniti.

Nel 1950, la capitalizzazione di mercato globale era pari a meno del 25% del PIL mondiale, e di questo, Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Australia rappresentavano circa l’80% della capitalizzazione di mercato globale.

La quarta era: il ritorno della globalizzazione

Sebbene la data in cui la regolamentazione e la nazionalizzazione hanno sostituito la globalizzazione il 31 luglio 1914 sia precisa, il passaggio dal monopolio alla globalizzazione tra il 1789 e il 1815 e il ritorno della globalizzazione tra il 1973 e il 1990 non sono così chiaramente datati.

Fisseremo l’inizio del Ritorno alla globalizzazione nel 1981, quando i tassi di interesse hanno raggiunto il picco e le azioni erano in un mercato ribassista. I mercati finanziari nazionali indipendenti non funzionavano più e l’integrazione dei mercati finanziari globali era vista come una soluzione per allocare il capitale in modo più efficiente.

Uno dei principali beneficiari del ritorno della globalizzazione è stata l’Asia.

Il Giappone e altri paesi asiatici hanno mostrato un grande aumento delle esportazioni verso il resto del mondo e la crescita della loro quota di capitalizzazione di mercato globale ha riflesso questo.

I mercati azionari di Giappone, Corea, Taiwan e Singapore hanno illustrato al resto del mondo che i mercati azionari potrebbero allocare con successo il capitale.

La capitalizzazione di mercato asiatica era inferiore al 5% del mondo fino agli anni ’60, ma negli anni ’80 la quota asiatica della capitalizzazione di mercato globale era maggiore di quella europea e nel 1989 i paesi asiatici rappresentavano quasi la metà della capitalizzazione di mercato globale.

Le borse di Shanghai e Shenzhen sono state istituite nel 1991 e la quota della Cina nella capitalizzazione di mercato globale ha iniziato la sua inesorabile crescita.

 

Sebbene Bretton Woods e altri accordi economici del dopoguerra abbiano portato stabilità e ripresa tanto necessarie all’economia internazionale, l’economia globale ha vacillato negli anni ’70.

Le politiche keynesiane erano originariamente viste come un modo per appianare il ciclo economico, ma negli anni ’70 l’elevata inflazione era arrivata a due cifre in quasi tutti i paesi del mondo.

Le economie dei paesi comunisti hanno fallito ancor più delle economie capitaliste.

Dopo il collasso dell’Unione Sovietica nel 1991, i mercati azionari furono ristabiliti a San Pietroburgo e in altri paesi ex comunisti, compresa la Cina.

I governi europei privatizzarono le industrie che erano state nazionalizzate dopo la seconda guerra mondiale e negli Stati Uniti le industrie regolamentate furono deregolamentate.

Questo processo è iniziato sotto il presidente Carter negli Stati Uniti.

La deregolamentazione ha colpito le banche, ferrovie, telecomunicazioni e servizi pubblici, industria siderurgica, compagnie aeree e altri settori connessi alle infrastrutture.

Bretton Woods ha basato i mercati internazionali dei capitali sul dollaro USA, ma nel 1973 i tassi di cambio fluttuanti hanno sostituito i tassi di cambio fissi.

Negli anni ’80, i controlli sui capitali furono aboliti e ancora una volta il capitale poté fluire liberamente tra i diversi paesi. Il Big Bang di Londra ha ristabilito Londra come il centro finanziario dell’Europa.

L’Europa ha spinto per un mercato comune che consentisse a manodopera, merci e capitali di viaggiare liberamente e consentisse alle aziende di ottenere economie di scala operando in tutto il continente europeo anziché limitarsi alle operazioni all’interno di un paese.

La tecnologia dell’informazione e la biotecnologia divennero le industrie leader negli Stati Uniti e in altre parti del mondo.

Il denaro è entrato nelle società tecnologiche negli anni ’90 e al culmine della bolla dei titoli tecnologici nel 1999, per la prima volta nella storia, la capitalizzazione azionaria globale ha superato il PIL globale.

La privatizzazione è stata promossa dalla Thatcher in Gran Bretagna e da Reagan negli Stati Uniti.

In Francia, Francois Mitterand inizialmente nazionalizzò parti dell’economia, ma due anni dopo invertì la rotta e privatizzò sia le industrie che aveva nazionalizzato sia le industrie che erano state nazionalizzate prima che Mitterand fosse eletto presidente.

L’industria era di proprietà dello Stato nei paesi comunisti e una volta che questi paesi hanno permesso al mercato di allocare risorse, i governi hanno privatizzato le industrie statali fornendo azioni di queste società ai loro cittadini.

Oggi, centinaia di milioni di persone dipendono dal mercato azionario per la loro pensione.

I fondi sovrani hanno investito migliaia di miliardi nel mercato azionario per fornire denaro ai propri cittadini in futuro.

È improbabile che queste tendenze si invertano.

Sarebbe difficile immaginare il ritorno del mondo ai mercati dei capitali regolamentati degli anni Quaranta e Settanta.

I cambiamenti avvenuti nei mercati finanziari durante il ventunesimo secolo sono stati guidati dalla tecnologia, non dalla deregolamentazione del governo.

La bolla Dot.com della fine degli anni ’90 ha spinto la capitalizzazione di mercato globale al di sopra del PIL globale per la prima volta nella storia.

Gli scambi virtuali esistono indipendentemente da qualsiasi luogo.

Sembra improbabile che la guerra, la nazionalizzazione o la regolamentazione riporteranno i mercati finanziari alle condizioni in cui si trovavano prima del 1981. Sembra più probabile che la tecnologia spingerà i mercati globali in una nuova era in cui più mercati sono sostituiti da un unico mercato per tutti i finanziari. beni in tutto il mondo.

Ciò restituirebbe il mondo ai mercati finanziari globalizzati che esistevano prima del 1914.

I cambiamenti avvenuti nei mercati finanziari durante il ventunesimo secolo sono stati guidati dalla tecnologia, non dalla deregolamentazione del governo.

La quinta era: singolarità finanziaria

Gli informatici parlano della possibilità di una singolarità tecnologica, quando la creazione della superintelligenza artificiale potrebbe creare computer che superano l’intelligenza umana e condurre l’umanità in una nuova era.

Si discute molto se ciò accadrà o potrebbe accadere, ma alcuni scienziati ritengono che sia solo questione di tempo.

Potremmo anche pensare a un futuro in cui vi è una singolarità del mercato finanziario, un punto in cui i mercati finanziari globali si integrano in un unico mercato 24 ore su 24 che opera indipendentemente dai confini e dagli scambi nazionali.

Con l’avvento dell’intelligenza artificiale e della blockchain, una singolarità finanziaria è diventata non solo possibile, ma anche probabile.

La domanda principale non è se ciò accadrà, ma quando accadrà e come.

Oggi i mercati azionari sono completamente globalizzati, e salvo qualsiasi cambiamento radicale nell’economia politica globale, è probabile che rimangano pienamente integrati per un po ‘di tempo a venire.

Sebbene vi sia sempre la minaccia di una nuova regolamentazione di diverse parti dell’economia, la nazionalizzazione di intere industrie sembra improbabile.

Le imprese nazionalizzate non sarebbero in grado di sopravvivere nel mondo globalizzato che esiste oggi.

L’Asia continuerà ad aumentare la sua quota di capitalizzazione di mercato globale a scapito dell’Europa.

Oggi i mercati finanziari sono guidati dalla tecnologia che rende più facile ed economico l’integrazione dei mercati finanziari in un mercato unico. Il mercato dei cambi è un mercato globale che opera 24 ore al giorno. Il denaro è digitale e si muove in tutto il mondo su reti elettroniche.

Ad un certo punto in futuro, i mercati azionari e obbligazionari saranno scambiati 24 ore al giorno in un mercato unico.

Quanto tempo ci vuole per raggiungere quel punto dipende dalla tecnologia e dalla politica. I computer consentiranno ai mercati di diventare più integrati in futuro. Sia l’intelligenza artificiale che la blockchain consentiranno ai mercati finanziari di allontanarsi dai mercati basati sugli scambi che esistono oggi e di essere sostituiti da mercati che non dormono mai e risiedono nel cloud.

Non c’è motivo per cui i mercati finanziari globali non dovrebbero essere completamente integrati nel prossimo futuro, proprio come le borse valori regionali si sono integrate nelle borse nazionali nella maggior parte dei paesi del mondo.

Ciò che resta da fare è che i mercati si muovano verso la singolarità.

I politici in Europa, America e Asia devono fornire il quadro istituzionale che consentirà l’esistenza della singolarità finanziaria.

Se i politici non riescono a creare le condizioni per integrare i mercati nazionali in un unico mercato internazionale che opera 24 ore al giorno, i mercati si integreranno indipendentemente dagli scambi nazionali.

La storia ha dimostrato che gli scambi esistenti raramente aprono la strada all’introduzione di nuove tecnologie.

Gli scambi elettronici nascono indipendentemente dagli scambi esistenti. Il NASDAQ è cresciuto come una sfida per il NYSE e l’AMEX nel 1971.

Instinet, Island, Archipelago, BATS, Investors Exchange e altri sono cresciuti indipendentemente dalle principali borse, mentre i dark pool scambiano centinaia di milioni di azioni al giorno.

Tuttavia, in tutti questi cambiamenti computerizzati, gli scambi esistenti come il NYSE erano un adattatore, non un disgregatore, ed è stato costretto a recuperare il ritardo tecnologico.

Negli ultimi 20 anni, il NYSE è stato indietro la curva, seguendo i cambiamenti tecnologici, non guidandoli, poiché la sua quota di negoziazione delle azioni del NYSE è lentamente diminuita.

Venti anni fa, l’80% degli scambi di azioni quotate al NYSE veniva negoziato sul NYSE.

Oggi solo il 30% degli scambi consolidati avviene sul NYSE. Più azioni del NYSE vengono scambiate tramite il Nasdaq che sul NYSE e circa il 40% del trading è fuori dagli scambi in dark pool.

Se il mercato azionario nella prima metà del 20 ° secolo era di 1.000 commercianti di base che cercavano di superarsi a vicenda e la seconda metà del secolo era di 1.000 gestori di denaro che cercavano di superare in astuzia l’un l’altro, il mercato azionario del 21 ° secolo potrebbe essere 1.000 ingegneri informatici che cercano di programmarsi a vicenda.

Negli ultimi due secoli, le borse hanno perso il vantaggio di fornire trasparenza dei prezzi, liquidità ed esecuzione tempestiva a un costo minimo. Obbligazioni, le materie prime e la valuta estera sono migrate dalle borse ai computer da banco.

Le istituzioni scambiano tra loro e il mercato al dettaglio in azioni sta crollando mentre i fondi indicizzati e gli ETF continuano a crescere in popolarità. Il NYSE e altre borse hanno perso i loro vantaggi sul mercato e la loro stessa esistenza è ora in discussione.

Detto questo, è nostra previsione che la singolarità finanziaria si verificherà indipendentemente dagli sforzi degli scambi esistenti per fondersi in un mercato unico. Crediamo che ciò accadrà negli anni ’20, ma quando e come non lo sappiamo.

Ma anche quando tutto questo accadrà e gli scambi scompariranno, le società continueranno a raccogliere capitali emettendo azioni al pubblico, miliardi di persone continueranno a fare affidamento sulle azioni per i loro investimenti.

Articoli con altre nozioni basilari di economia

Cos’è l’economia

Cos’è il Signoraggio Bancario –

Facoltà di economia Politica –

Nobel per Economia  –

Libero Mercato

Cigno Nero : significato

Anarco Capitalismo

Socialismo e Comunismo – Differenze

Gold Standard

EBIT Definizione 

Too Big To Fail 

Tassi di interesse negativi

Miracolo economico in Italia 

Crollo dei Mercati finanziari 

SEPA 

Contactless 

Euribor 

ADAM SMITH

Articoli relativi ad investimenti finanziari pubblicati finora

Investire nel 2021

Banche più sicure

Investire in Immobili 

Migliori ETF

Investire in azioni oggi 

Aziono comprate da grandi investitori

I 10 Comandamenti per il Migliore Investimento

Il primo investimento della vita  

Azioni da comprare e tenere pere sempre

Tassi di interresse negativi

Come investire  

Come Risparmiare  

Investimenti sicuri a basso rischio

Come diventare Ricchi da Zero

Come Comprare Azioni 

Come diventare ricchi con la Borsa

Fondi comuni di investimento

Consigli per comprare casa per investire 

Consulente finanziario

Come investire senza pagare le tasse 

Brexit

Le offerte dei Broker

Investire in oro, il prezzo dell’oro  

Comprare Oro

Dove comprare Bitcoin – Kraken

Investire in arte

Investire in Borsa, le regole di Buffet

Investire in Borsa, le regole di Graham

Investire in Borsa ed influenza dell’economia turca

Come comprare Bitcoin

Come guadagnare con i Bitcoin

Investire in opzioni binarie conviene?

Come investire 40000 euro

Comprare RAME conviene?

Perchè le borse valori sono in perdita?

Forex trading che cosa è 

Migliori ETF

Previsione Mercati finanziari

Libri consigliati da Warren Buffett 

Azioni Apple risultati superano le aspettative

Azioni aumentate del 1000% in 2 anni 

Premio nobel economia

Borsa Italiana cambia di proprietà

Azioni comprate dei migliori investitori

Bernie Madoff 

Azioni farmaceutiche da comprare nel 2021

Azioni Petrolifere

Perché le azioni Tesla stanno continuando ad aumentare

Azioni di bevande migliori

Azioni comprate dai migliori investitori 

Azioni da comprare in caso di recessione 

Azioni Tesla target price 1200 dollari 

Le più grandi miniere d’oro 

Meteo e Finanza: correlazioni

Banche europee più grandi

Copywriter finanziario 

Azioni FuelCell energy 

Investire in arte

Investire in azioni oggi

7 Azioni di idrogeno da tenere sotto occhio

Titoli di energia rinnovabile su cui investire

Azioni da comprare a prova di recessione

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *