Energia Eolica in Italia: cos’è e come funziona. Conviene investirci?

Le energie da fonti naturali rinnovabili stanno avendo una forte crescita negli ultimi anni, rappresentando quasi il 90% dell’aumento di capacità totale a livello mondiale. Tra queste vi è l’energia eolica, una delle più antiche, che deriva dal soffiare del vento trasformato in energia elettrica da pale rotanti.

Pulita, inesauribile e sempre disponibile, contribuisce significativamente ad un futuro senza carbone o combustibili fossili, senza più scarti o scorie inquinanti come per l’energia solare. Chiedendosi cos’è l’energia eolica occorre però esaminare il suo funzionamento nel dettaglio, così come il suo rendimento e tutti i pro e contro. Conviene veramente?

Cos’è l’energia eolica e come funziona?

Parlando di energia eolica, si intende una delle fonti d’energia primarie del pianeta proveniente direttamente dal vento. Rispetto all’energia non rinnovabile, come tutte le energie naturali quella eolica è:

  • Inesauribile
  • Pulita
  • Sempre disponibile

Ciò avviene grazie al soffio del vento, a flusso continuo, che viene convertito in energia elettrica da un impianto eolico, costituito da varie strutture chiamate aerogeneratori, formate a loro volta da:

  • Turbina elettrica, dalla forma aerodinamica, che sottrae parte dell’energia cinetica del vento
  • Albero, che convoglia l’energia acquisita dalla rotazione, alto fino a 30 metri
  • Generatore elettrico, posto alla base della struttura, che genera tensione elettrica
    • ad asse orizzontale, motorizzato e in posizione parallela al soffio del vento
    • ad asse verticale, meno efficiente ma non influenzato dalla direzione del vento

Chiamati anche parchi eolici, gli impianti si suddividono invece in tre categorie:

  • On-shore, situati in aree pianeggianti, collinari isolate o a circa 10 chilometri dal mare, a corrente costante; varianti di dimensioni ridotte si possono installare anche su tetti o balconi di immobili privati ad almeno 5 metri dal suolo
  • Near-shore, situati sulle coste o a distanza ravvicinata da esse, fruiscono della maggiore forza e continuità dei venti marittimi creando energia elettrica a ciclo costante
  • Off-shore, situati all’interno dell’acqua e distanti da coste marittime o oceaniche, godendo di aree maggiori e di correnti d’aria costanti; più stabili rispetto alle altre categorie, garantiscono prestazioni migliori ma implicano costi maggiori ed usura più rapida

Il principio di funzionamento dell’energia eolica proviene dall’antichità, partendo dalla nautica, col vento che gonfiando le vele dava velocità alle navi, ed i mulini a vento, le cui pale muovevano le macine per lavorare il grano. Con calcolo della Legge di Betz, emerge che l’energia massima prodotta dai generatori equivale al 59,3% dell’energia totale trasmessa dal vento.

Quanto costa un impianto eolico?

Se in passato era prerogativa solo di impianti industriali e apposite centrali elettriche (esteticamente meno invasive rispetto ad altre strutture), col passare degli anni l’energia eolica è diventata oggetto d’investimento e risparmio anche per abitazioni private: il suo utilizzo è regolato da ARERA ed ENEA e la categoria maggiormente impiegata è la on-shore.

Difatti, se la spesa per un impianto off-shore è particolarmente elevata e legata a scopi aziendali, i costi per un impianto on-shore di dimensioni medie vanno dai 900,00 ai 1.300 euro/KWh per generatori ad asse orizzontale e dai 1.500 ai 2.000 euro/KWh per generatori ad asse verticale, con circa il 70% che rappresenta il costo dell’impianto stesso.

Considerando la necessità media di un’abitazione di circa 3 KWh, un mini-impianto eolico domestico può quindi avere costi totali fino a 5.000 euro, sempre in funzione di:

  • Marchio fabbricazione
  • Dimensioni
  • Modello turbine
  • Silenziosità
  • Rendimento energetico

Infine, si ricorda che i sistemi a energia eolica sono inclusi negli Ecobonus del Decreto Rilancio 2020: è possibile effettuare lavori di riconversione energetica fruendo del Superbonus 110% per l’abbassamento di almeno due classi energetiche. La decisione è stata presa per riportare nel legale il comparto, che offre lavoro a oltre 15.000 persone, dopo lo scandalo tangenti in Sicilia del 2017.

Energia Eolica in Italia: cos'è e come funziona. Conviene investirci?
Immagine sopra: lo spettacolare parto eolico di Vaglio in Basilicata, che si estende a perdita d’occhio.

Energia eolica, la situazione italiana

Secondo ANEV (Associazione Nazionale Energia del Vento) e Gestore Servizi Energetici, al 2020 l’Italia vive un momento assolutamente favorevole, con oltre 10 GW di potenza eolica installata per soddisfare il 7% delle utenze domestiche; gli obiettivi sono di raggiungere il 12% entro il 2030 e la decarbonizzazione totale entro il 2050, in linea con le disposizioni UE e ONU.

Aree d’interesse per l’impiego di impianti eolici e la costruzione di nuovi sono appennino centro-meridionale e isole, dove vi sono correnti d’aria potenziali più costanti: con la creazione di nuovi parchi, ANEV stima una crescita di circa 18 GW.

Investire in energia eolica conviene?

Stando all’analisi Strategic Energy Review della Commissione Europea, l’eolica rappresenta il 12% della crescita totale delle energie rinnovabili, con la produzione di oltre 161 GW e stime di crescita fino a 230, di cui 40 da parchi off-shore. Settore in forte evoluzione, può rappresentare un’opportunità d’investimento sul lungo periodo, grazie all’implementazione delle linee di sviluppo delle aziende nel comparto.

Tra le migliori realtà su cui investire in azioni vi sono:

  • Orsted, società danese incentrata sulla fornitura d’energia rinnovabile proveniente principalmente dal segmento eolico, con parchi off-shore e distribuzione e vendita all’ingrosso d’elettricità nel Nord Europa; ha una capitalizzazione di 71,2 miliardi di dollari
  • Vestas, società danese che progetta, costruisce e distribuisce turbine eoliche, con installazioni in oltre 60 paesi del mondo; ha una capitalizzazione di 38,9 miliardi di dollari ed è al quindicesimo posto nella lista Clean 200 sulle migliori realtà ecosostenibili mondiali
  • Siemens Gamesa, società spagnola nata nel 2017 dalla fusione tra Gamesa e Siemens Wind Power, sviluppa e distribuisce turbine eoliche on-shore e off-shore e apparecchiature annesse servendo oltre 90 paesi; ha una capitalizzazione di 23,2 miliardi di dollari

In un processo di conversione irreversibile, ad ampio respiro e dal valore di miliardi di dollari,  investire in risorse rinnovabili come quella eolica diventa una priorità, per allontanarsi progressivamente dai combustibili fossili, mostrando un forte vantaggio economico.

produzione energia eolica in europa
Immagine sopra: produzione energia eolica in Europa e Italia dati 2018

Installare impianti eolici conviene?

I vantaggi portati dall’energia eolica sono numerosi, di carattere sia ambientale sia economico, in quanto si può considerare un investimento sul lungo termine per ridurre le bollette elettriche. Tra i suoi principali punti di forza si notano:

  • Grande longevità, con durate fino a 25 anni
  • Gestione passiva, senza particolari interventi
  • Manutenzione minima, distribuita negli anni
  • Aumento valore immobile, grazie ad efficientamento energetico e riduzione spese utenze
  • Disponibilità illimitata, grazie alle correnti d’aria
  • Riduzione inquinamento, con energia pulita senza emissioni o scorie
  • Costi ammortizzabili, in tempi dai 5 ai 10 anni
  • Detrazioni fiscali, grazie al Superbonus 110%

Tra i punti di debolezza si segnalano invece:

  • Investimenti ancora elevati, da ammortizzare in tempistiche lunghe
  • Inquinamento acustico, a causa del forte rumore delle turbine
  • Inquinamento visivo, a causa dell’invasività sull’aspetto paesaggistico
  • Bassa efficienza in aree poco ventose, richiedendo sostegno di utenze tradizionali

A conti fatti, l’industria eolica contribuisce alla crescita delle energie generate da risorse naturali inesauribili, che secondo ENEA al 2020 rappresentano il 34% dell’energia elettrica totale europea. Complici anche le stime di crescita nazionali ed europee, nonostante alcuni svantaggi l’investimento sull’energia eolica risulta assolutamente conveniente, portando sempre più attenzione al futuro e alla lenta ma irreversibile decarbonizzazione.

Altri articoli su energie rinnovabili

Energia ad idrogeno in Italia

Energia idroelettrica in Italia

Auto a idrogeno

Auto a celle a combustibile a idrogeno

Settori in crescita in Italia

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *