Coronavirus: I Mercati Finanziari Ripartono dopo le prime buone notizie

I mercati finanziari stanno reagendo alle prime notizie positive su Covid da nazioni occidentali. Le azioni asiatiche sono aumentate con i futures azionari statunitensi ed europei dopo che i quotidiani hanno riportato un calo nel bilancio delle vittime di domenica in alcuni epicentri di coronavirus del mondo.

I contratti sull’indice S&P 500 e sull’Euro Stoxx 50 sono saliti di oltre il 3%, mentre i benchmark giapponesi sono aumentati di circa il 2%, facendo scattare una serie di perdite di cinque giorni anche quando il paese si avvicina a una potenziale dichiarazione di emergenza. Anche le azioni di Hong Kong sono state più elevate, sebbene in misura minore, e l’Australia ha sovraperformato. Lo yen è sceso insieme ai Treasury mentre la domanda di rifugio è diminuita. I prezzi del greggio sono diminuiti in quanto permangono incertezze su una proposta riunione dei paesi fornitori prevista per il 9 aprile.

I mercati cinesi sono chiusi per un lunedì festivo. Altrove, la sterlina è scesa mentre il primo ministro britannico Boris Johnson è stato ricoverato in ospedale per i test dopo aver sofferto del coronavirus per 10 giorni. L’Arabia Saudita, la Russia e altri grandi produttori di petrolio stanno correndo per negoziare un accordo per arginare lo storico crollo dei prezzi delle materie prime.

Negli ultimi sviluppi sulla crisi sanitaria, i decessi nello Stato di New York sono diminuiti per la prima volta, sebbene il presidente Donald Trump abbia avvertito che si sta avvicinando una fase “Molto brutta” della pandemia. L’Italia ha avuto il minor numero di morti in più di due settimane, mentre la Francia ha riportato il numero più basso in cinque giorni e il conteggio della Spagna è sceso per tre giorni consecutivi.

Coronavirus: I Mercati Finanziari Ripartono dopo le prime buone notizie

C’è luce alla fine del tunnel, ma è ancora un lungo tunnel“,

ha scritto domenica in una nota Erik Nielsen, capo economista di Londra con sede a UniCredit SpA.

Le scorte si sono concluse la scorsa settimana, riprendendo parte del rally della settimana precedente, dopo che un tuffo nelle assunzioni statunitensi ha lasciato intendere l’entità del bilancio della pandemia sulla più grande economia del mondo. Quel crollo dei libri paga ha subito il danno solo dall’inizio di marzo, con la cifra di aprile che dovrebbe mostrare più del colpo.

“Siamo ancora ottimisti sul fatto che l’amministrazione sarà in grado di tenere questo virus sotto controllo e riaprire l’economia entro la fine di aprile, all’inizio di maggio”, ha detto su Bloomberg TV Lindsey Piegza, capo economista di Stifel Nicolaus & Co.. “Se ciò accade, è probabile che siamo in grado di controllare la recessione da uno scenario depressivo a uno scenario recessivo.”

Queste sono le principali mosse nei mercati:

Azioni

I futures su S&P 500 sono aumentati del 3,6% a 13:15 a Tokyo. L’indice S&P 500 è sceso dell’1,5% venerdì. L’indice Topix è aumentato del 2,1%. L’Hang Seng di Hong Kong ha aggiunto l’1,1%. L’indice S & P / ASX 200 dell’Australia è salito del 4,1%. L’indice Kospi ha aggiunto il 2,6%. I futures Euro Stoxx 50 sono avanzati del 2,7%.

Valute

Lo yen ha perso lo 0,3% a 108,84 dollari. L’euro ha acquistato $ 1,0816, in aumento dello 0,2%. Lo yuan offshore è rimasto piatto a 7,1136 dollari, la sterlina è scesa dello 0,3% a $ 1,2233.

Obbligazioni

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è salito di oltre due punti base allo 0,62%, mentre il rendimento a 10 anni dell’Australia è rimasto allo 0,77%.

Materie prime

Il greggio del Texas occidentale è sceso del 3% a $ 27,49 al barile, mentre l’oro è sceso dello 0,1% a $ 1,618,47 l’oncia.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *